La Prima Volta di Elena – Racconto Erotico

Avatar di Pietro Ferrano
14 Giugno 2024

— Aah! Così… Humm!

Elena raggiunse l’orgasmo con il suo ragazzo dall’altra parte della linea. Immaginava la sua lingua mentre il suo dito massaggiava il clitoride. Il corpo sudato e esausto le diceva che doveva fermarsi.

Non avevano mai fatto sesso. Anche a diciannove anni, Elena era ancora vergine, proveniente da una famiglia conservatrice e perché non aveva trovato l’uomo giusto. Così questi giochi accadevano sempre quando non potevano vedersi o quando Elena lo provocava così tanto da eccitarsi anche lei. Non sapeva che queste provocazioni l’avrebbero portata a un punto di non ritorno.

Ogni volta che poteva, Elena lo provocava. Quando erano soli a guardare la TV, si sedeva in grembo a Matteo, muovendosi finché non lo sentiva eccitarsi. Lo baciava, lasciava che lui toccasse le sue gambe, il ventre, una volta gli aveva persino permesso di accarezzare i suoi seni sopra i vestiti, ma tra le gambe, mai! Elena si eccitava con le carezze, ma era lei a soddisfarsi.

Un giorno, tornando da scuola, un uomo attirò la sua attenzione. Usciva da una delle case della via. Capelli scuri, ben curati; indossava un abito che gli stava a pennello. Il corpo di Elena si agitò quando lui la guardò.

“Mio Dio! Che uomo affascinante!” pensò entrando in casa. Andò a pranzare, ma non riusciva a toglierselo dalla testa. Si sdraiò sul divano, accese la TV, ma nemmeno così riusciva a smettere di pensare a lui. Il suo corpo iniziò a rispondere. Quando se ne accorse, stava già toccandosi. “Non posso! Ho un ragazzo!”

Quella sera, quando Matteo arrivò, si sedettero nella sala TV insieme ai suoi genitori. A un certo punto Elena disse che aveva fame e chiese al ragazzo di aiutarla a preparare uno spuntino in cucina. Lui non era molto entusiasta, ma la seguì.

Elena chiese a Matteo di spalmare la marmellata sulle fette di pane mentre lei preparava il succo. Una volta finito, si avvicinò a lui da dietro, lo abbracciò, premette i piccoli seni contro la sua schiena e iniziò a strofinarsi.

— Mi provochi sempre — disse Matteo un po’ irritato. — Quando faremo qualcosa di vero?

Lei lo lasciò andare e lo guardò. Disse che non era ancora pronta, lasciandolo ancora più frustrato.

Tornarono in sala in silenzio e mangiarono gli spuntini. Poco dopo, Matteo decise di andare via.

Al momento dei saluti, ebbero una piccola discussione. Lui era arrabbiato, ma lei sapeva come calmarlo: con le loro telefonate piccanti.

Aspettò che lui fosse arrivato a casa, prese il telefono e chiamò. Non rispondeva. Dopo il secondo tentativo, la chiamata andava direttamente alla segreteria telefonica. Decise di lasciar perdere.

Tolse il pantaloncino del pigiama. L’uomo dai capelli scuri le tornò in mente. Portò una mano ai seni e iniziò a massaggiarli immaginando le mani di quell’uomo. L’altra mano scese fino alle mutandine già umide, sentendo quanto la sua vagina fosse calda e il clitoride duro. Si masturbò fino a raggiungere un orgasmo che la lasciò senza energie. Dormì come un angioletto.

Il giorno dopo, durante una piccola riunione nel condominio, Elena vide l’uomo dalla pelle scura della casa vicina parlare con suo padre. Pensava che fosse molto più bello con i suoi pantaloncini di jeans, maglietta e scarpe da ginnastica. Il suo corpo tremava, mentre lui la guardava di tanto in tanto. Decise di farsi coraggio e di avvicinarsi.

Elena è arrivata e ha abbracciato suo padre che l’ha presentata ai suoi colleghi. Salutò tutti, dando un’altra occhiata a Matteo. Era l’unico nome che manteneva.

Durante la festa Elena si è impegnata a passare dove Matteo potesse vederla. Spesso lanciava quello sguardo provocatorio di traverso. E il suo aspetto non negava che provasse una certa attrazione per lei. “È solo un’adolescente. Smettila Matteo!” parlava da solo. Non ci mise molto a lasciare la festa e non fu mai più visto.

Elena ha ricevuto un messaggio dal suo ragazzo che si scusava per la discussione. Lei lo ignorò. Avevo altre cose in mente.

Prima di addormentarsi si masturbi immaginando Matteo con le sue grandi mani scure che le accarezzavano il corpo. Ero così emozionato che sono arrivato più veloce che avessi mai avuto.

La mattina presto, appena Elena si svegliò, sua madre le chiese di andare a prendere un pacco nella casa vicina. All’inizio era riluttante, ma presto cambiò idea quando sentì sua madre dire che Matteo non poteva aspettare a lungo.

“Potrebbe essere quel Matteo?”

Voleva andarci anche in pigiama, ma sua madre di certo non la lasciava partire. Si alzò, fece l’igiene mattutina, indossò dei pantaloncini corti e una camicetta di tessuto leggerissimo con le spalline sottili e velocemente andò a casa.

Era la casa che lo aveva visto uscire l’altro giorno. Suonò il campanello e attese. Aprì la porta e quanto fu grande la sua sorpresa nel vederla alla sua porta.

— Mia madre mi ha chiesto di passare a ritirare il suo ordine — disse, sorridendo e guardando il suo corpo dentro il vestito.

— Solo un momento — chiese, guardandola negli occhi e poi osservando il suo corpo in via di sviluppo. — Mi dispiace, non ti invito a entrare perché sono già in ritardo.

— Nessun problema. — Sorrise, cercando di nascondere il desiderio che provava di toccare la sua intimità. “Che voce deliziosa che ha!”

Matteo tornò con il pacco e lo consegnò ad Elena, che lo guardò salire in macchina e partire.

Arrivò a casa, consegnò il pacco a sua madre e andò dritto in camera a deliziarsi con il mignolo immaginando quell’uomo. Ha avuto tre orgasmi consecutivi. Prese il cellulare, scattò, per la prima volta, una foto della sua figa bagnata, prese il biglietto da visita incollato sul pacco e lo inviò con il seguente messaggio: “Guarda come mi fai sembrare!” Ben presto ricevette la risposta chiedendo chi fosse; non rispose.

Elena ha passato giorni interi a parlare con Matteo, mandandogli foto che lo prendevano in giro senza sapere chi fosse. Ma lei non pensava che lui lo sapesse. Ogni volta che la guardava lo faceva con desiderio; e lei, come ogni donna, anche quando è ancora in via di sviluppo, ama essere desiderata.

Un pomeriggio, dopo essere arrivata da scuola, ricevette una telefonata da sua madre che le chiedeva di andare a casa di Matteo per ritirare un altro pacco. Senza rispondere, spense la televisione, si cambiò d’abito e si recò a casa del vicino. Il suo corpo tremava al pensiero di trovarsi di nuovo faccia a faccia con quella malizia.

Suonò il campanello. La porta si aprì e Elena intravide quegli occhi castani e quel corpo scuro che, anche se indossava una camicia bianca, era allettante. La sua intimità divenne più inumidita dallo sguardo audace che Matteo lanciò sul suo corpo. La guardò con desiderio, con lussuria.

— Prego entra. Ho bisogno che controlli l’ordine con me.

Elena ha voluto sfruttare la sensualità dei suoi fianchi. I pantaloncini attiravano l’attenzione anche di chi non voleva vedere. Lo sentì chiudere la porta e si fermò. Quando si voltò le era già molto vicino.

— Cosa pensi di fare? – Disse con un po’ di energia.

— Che cosa? Cosa vuoi dire? — Ha fatto una faccia innocente.

— Lo sai molto bene, ragazza! — E lui si avvicinò a lei.

— N… non so di cosa stai parlando.

Così Elena era paralizzata quando arrivò con il viso a pochi centimetri dal suo. Poteva sentire il suo respiro affannoso e caldo sulla sua pelle. Il suo corpo tremò mentre sussurrava con voce rauca:

— Finirai per uccidermi se continui a mandarmi quelle foto! — Lui guardò le sue labbra pallide. — Non lo sopporto…

Matteo si allontanò da lei – lei gemette disgustata – e disse che non poteva fare di lei quello che voleva. Ma la sua resistenza venne spezzata quando lei lo abbracciò da dietro. Sentire il giovane corpo allettante premuto contro il tuo lo faceva quasi impazzire.

— Non avere paura. Anch’io ti voglio — disse Elena, premendo i suoi seni contro la sua schiena e diventando più eccitata quando ne sentì i muscoli.

Matteo si voltò e la baciò con desiderio. Elena sentì la sua intimità bagnarle le mutandine. La sua lingua abile le invase la bocca in un modo voluttuoso che accese ancora di più il suo desiderio. Non ero mai stato baciato da nessuno in quel modo.

All’improvviso il ragazzo lasciò la bocca e si sedette sul divano con le mani sul viso, ripudiandosi per aver fatto questo ad una ragazza.

Elena gli si avvicinò, lo sistemò correttamente sul divano, si sedette sulle sue ginocchia dicendo che lo voleva anche lei e cominciò a rotolare lentamente. Potevo sentire la sua eccitazione. Lei gli sollevò il viso e lo baciò, desiderando sentire di nuovo la sua lingua in bocca.

Matteo le fece scivolare le mani lungo la schiena finché non raggiunse il suo piccolo culetto e lo palpò, facendo gemere leggermente la ragazza. Le sue dita scivolarono sulla pelle liscia, entrando attraverso l’orlo dei pantaloncini attillati, ma fu fermato da lei quando si avvicinò alla sua figa bagnata.

— Cos’era?

Elena, guardandolo negli occhi con una certa timidezza, rivelò:

— Sono ancora vergine — disse un po’ imbarazzata.

Matteo la guardò con un intenso splendore negli occhi, la baciò, sorrise e disse:

— Se non vuoi, smetto.

Elena non disse nulla, si limitò a baciarlo di nuovo e si girò sulle sue ginocchia, godendosi l’erezione nella sua intimità. L’istinto innato le fece portare la mano sul suo membro, accarezzandolo delicatamente sui pantaloni mentre le sue mani si alzavano, togliendole la camicetta.

Andò in delirio quando lui la baciò lungo il collo fino ai piccoli seni pallidi con areole rosa, che sembravano così delicate, e ne leccò le punte dure con la punta della lingua. Il suo corpo tremò quando lui le afferrò dolcemente la bocca e cominciò a succhiarle il seno sodo. Se avessi saputo che era così piacevole, avresti lasciato che il tuo ragazzo lo facesse quando te lo avesse chiesto. Ma di certo non avrebbe una bocca deliziosa come quella di Matteo.

Horny ha preso il sopravvento su entrambi. Elena si sbottonò la cintura, poi i pantaloni, aprì la cerniera e allungò la mano per trovare quello che voleva. Lo tirò fuori e vide quanto era grande e grosso, somigliava a quelle pornostar. “Bellissimo!” Si sentiva l’acquolina in bocca. Lei si alzò dalle sue ginocchia e si accovacciò tra le sue gambe.

— Non l’ho mai fatto. Posso provare? – chiese guardandolo negli occhi.

— Te lo insegno — disse, accarezzando il viso angelico. — Inizia come se stessi succhiando un ghiacciolo.

Elena lo tenne delicatamente, sentendolo pulsare e rise dicendo che sembrava che ci fosse il cuore. Si avvicinò, aprì la bocca e cominciò a ingoiare la grande testa lucente. Ne sentì la consistenza morbida e liscia e la deglutì lentamente.

Andava su e giù guidata da Matteo, che lodava la sua boccuccia. Assaporò ogni centimetro di quel pezzo di carne, sentendo le sue vene pulsare e diventare sempre più bagnate, desiderando di sentirlo dentro di sé.

Matteo la staccò dal suo membro e la baciò. Le ha chiesto se le piaceva e lei ha risposto di sì. Ha detto che in seguito le avrebbe insegnato di più su come succhiare un uomo, se avesse voluto.

Le tolse i vestiti pezzo per pezzo, ammirando il suo corpo pallido, la prese in braccio, la portò in camera da letto, adagiandola sul morbido letto. La baciò sulla bocca, tracciando un percorso attraverso i suoi seni, la sua pancia piatta, la sua pancia fino alle cosce. Lei si dimenava ad ogni tocco delle sue labbra carnose e della sua lingua pungente.

Elena rabbrividì ad ogni bacio e succhio che le dava all’interno delle cosce dirigendosi verso la sua vagina. Le deliziose sensazioni che solo il suo respiro caldo provocava erano troppe; sembrava sul punto di svenire.

E quasi svenne anche quando lui le leccò leggermente il clitoride. Una corrente elettrica gli percorse tutto il corpo mentre Matteo intensificava le sue leccate. Gemeva, si contorceva, delirante.

All’improvviso sentì calore su tutto il corpo, il suo respiro era pesante e irregolare. La sua lingua più agile le fece formicolare tutto il corpo e un’onda allucinatoria – che già conosceva, ma questa volta era più intensa – partì dal suo bottoncino e si diffuse rapidamente per tutto il corpo, facendola tremare, sudare, bruciare. Elena ha avuto il suo primo orgasmo sentendosi assaporare da una bocca.

— Aah! Fermare! Ti voglio dentro di me! — Poi ha implorato altre tre sborrate senza che lui togliesse la bocca dalle sue gambe.

— È proprio quello che vuoi, bella? – Chiese, guardando nei piccoli occhi scuri.

— Sì… Sì! — Balbettava pieno di desiderio.

Matteo prese un asciugamano dall’armadio e glielo mise sotto il sedere. Lui ha preso un preservativo dal comodino, ma la ragazza ha detto che lo voleva senza, che voleva perdere la verginità sentendolo. Poi si posizionò sopra di lei e tra le sue gambe e appoggiò la sua testa scura contro la sua entrata. La baciò mentre forzava l’ingresso.

— Aaiii!

Elena avvertì un dolore acuto, ma andò lentamente e con molta attenzione finché non si ruppe l’imene. Sembrava che vi fosse stato conficcato un ferro rovente. Ma dopo pochi secondi il dolore lasciò il posto al piacere.

— Metterlo in! Porta via la mia piccola zucca!

Matteo iniziò un lento avanti e indietro sentendo la figa stretta. Le baciò la bocca e aumentò il movimento.

— Nostro! Che figa deliziosa, Elena! Huum… Sei molto sexy! Morivo dalla voglia di prenderti così!

Elena si sentiva come lacerata da quel grosso membro, ma lo adorava. Si stava realizzando diventando una donna con un vero uomo. Lei si girò mentre il ragazzo cominciava ad accelerare le sue spinte verso il suo utero. Lui si chinò per succhiarle i seni e così venne per la prima volta con un cazzo dentro.

Dopo aver ripreso un po’ il fiato, ha chiesto a Matteo di prenderla in braccio a quattro zampe. Volevo avere la prova reale se fosse davvero piacevole quello che le attrici dimostravano nei video che guardavo.

Si mise nella posizione con la faccia sul cuscino su richiesta della bruna, sollevò il sedere quando ricevette una leggera pacca e lo sentì invadere lentamente la sua intimità, arrivando nel profondo.

L’entrare e uscire da quel polo caldo è stato meraviglioso. Sentì il suo attrito sulle sue pareti interiori. La sensazione di essere completamente riempita era troppo per lei. Ancora di più quando le afferrò saldamente la vita con entrambe le mani e aumentò la velocità e la forza dell’avanti e indietro.

— Aaah! Uhmmm! — Gemette, deliziandosi della sua figa stretta.

Elena non poteva più provare così tanto piacere, aveva bisogno di un altro orgasmo. Il suo corpo formicolava e tremava per l’entrata e l’uscita di quel delizioso cazzo. Ma il fattore scatenante del suo climax è stato che Matteo le ha tolto una mano dalla vita, le ha afferrato i capelli neri e li ha tirati mentre spingeva più forte.

— Aaaah! Uuuum! — Elena venne così intensamente che perdonò la sua forza e lasciò cadere contenta il suo corpo sul letto.

Ha ripreso un po’ di forza e ha notato che il suo uomo non era ancora venuto. Gli chiese di sedersi sul bordo del letto, si mise tra le sue gambe e cominciò a masturbarlo. La guidò con la mano sopra la sua, insegnandole la giusta velocità e pressione. Afferrò il palo lucente e assaporò il proprio piacere.

Incuriosita, gli ha chiesto di venirle nella piccola bocca, perché voleva assaggiare il latte.

Matteo le ha detto di segarlo mentre si strofinava la lingua sulla testa gonfia. E così ha fatto. Gli leccò il glande mentre la sua piccola mano andava su e giù scivolando su quel cazzo.

— Guardami! — Egli ordinò. Lei gettò i suoi occhi scuri nei suoi. — Hmm! Io… — Elena, senza staccargli gli occhi di dosso, si mise il membro in bocca. — Divieto di sosta! — chiese tenendole la testa.

Cercò di inserire l’intero enorme fallo quando sentì il primo getto raggiungerle la gola. Poi ancora, ancora; sempre più forte. Sembrava non avere fine. Si riempì la piccola bocca.

— Com’è delizioso il tuo latticino! – Disse dopo aver ingoiato tutto. — Se solo sapessi che è così buono… — Lo leccò tutto, assaporandone ogni goccia.

Matteo l’ha attirata in un bacio caldo e appassionato, riaccendendo il suo desiderio di avere di più. La portò nel bagno della sua stanza, aprì la doccia e le lavò tutto il corpo.

— Voglio di più! — Si sentiva estasiata.

—Ma oggi non è più possibile— le spiegò, accarezzandole il viso. — Hai già fatto tardi e tua madre potrebbe avere dei sospetti.

Finirono velocemente il bagno. Elena si è vestita dopo che Matteo le ha asciugato tutto il corpo. Si salutarono con un bacio affettuoso.

Elena è arrivata a casa raggiante. Sua madre era già arrivata e aveva chiesto informazioni sull’ordine. La figlia ha detto che c’era un problema con il sigillo, ma che Matteo aveva già iniziato a risolverlo.

— E quando sarà pronto? – chiese la madre.

— Vedere! Non l’ho nemmeno chiesto! Tornerò lì domani per vedere se è pronto.

Scopri altri post del blog

Un Viaggio nell’Universo del Crossdressing…La Pratica di Vestirsi come il Sesso Opposto

Il fenomeno del crossdressing, ovvero la pratica di vestirsi con abiti tradizionalmente associati al sesso opposto, è un’espressione culturale e personale che trascende le barriere del tempo e della geografia. Sebbene spesso frainteso, il crossdressing è una forma di espressione che copre un’ampia gamma di motivazioni e significati, variando dalla ricerca del piacere estetico alla […]

Parma e Mônica: La Musa Incantevole

Nella pittoresca città di Parma, conosciuta per la sua storia ricca e la sua bellezza senza tempo, c’è una presenza che risplende sopra tutte le altre: Mônica. A soli 25 anni, questa giovane donna ha catturato cuori e sguardi con la sua presenza magnetica e irresistibile. La Bellezza di Mônica Mônica è una visione che […]

Il desiderio sessuale aumenta durante il periodo fertile: affrontalo

Il periodo fertile è la fase del ciclo mestruale in cui la donna ha maggiori probabilità di rimanere incinta. È durante questa fase che avviene l’ovulazione, ovvero il momento in cui un ovulo viene rilasciato dall’ovaio per essere fecondato. Di conseguenza, il desiderio sessuale nelle donne aumenta durante questo periodo. Secondo il medico ginecologo Alexandre […]